23 maggio 1915, l’inizio della fine

23 maggio 1915, l’inizio della fine

Care amiche, cari amici,

Il 23 maggio 1915 il Regno d’Italia dichiarò guerra all’Impero Asburgico, di cui Trieste era il porto principale.
Il fatto, che suscitò feroci reazioni della popolazione triestina contro i ritrovi e i giornali degli irredentisti, causò una guerra che ebbe 1.100.000 vittime, innumerevoli feriti, diffuse il nazionalismo e spalancò le porte all’avvento del fascismo e della seconda guerra mondiale.
Riporto qui sotto il proclama dell’imperatore Francesco Giuseppe, che, oltre che riportare un sentimento ben diffuso tra i triestini dell’epoca, risulta attualissimo.
Sembra ironico che il tanto rimpianto impero, più di un secolo fa, fosse capace di far convivere 14 etnie e innumerevoli religioni, facendole prosperare; cosa che l’attuale Unione Europea costruita dalle banche non riesce a fare. Il tutto nonostante i problemi creati all’epoca dai crescenti nazionalismi in varie regioni dell’Impero, in vari casi fomentati da paesi terzi, come Italia e Gran Bretagna.

Chi non conosce la propria storia è destinato a ripeterla” dice un vecchio adagio; finchè i triestini non capiranno che i nazionalismi sono la causa dei propri mali e che l’amministrazione di un paese che tratta Trieste come una colonia non produrrà nulla di buono, la città sarà -purtroppo – destinata al declino.

Ai miei popoli!
Il re d’Italia mi ha dichiarato guerra.
Il regno d’Italia ha commesso a danno dei suoi due alleati un tradimento di cui la storia non conosce uguale.
Dopo un patto d’alleanza che durava da oltre trent’anni, durante i quali ha potuto crescere il suo territorio e conseguire un insperabile benessere, l’Italia ci ha abbandonati nell’ora del pericolo ed è passata a bandiere spiegate nel campo dei nostri nemici.
Noi non abbiamo minacciato l’Italia, non abbiamo menomato la sua reputazione, violato il suo onore o i suoi interessi. Noi abbiamo scrupolosamente osservato gli obblighi derivatici dall’alleanza e accordato la nostra protezione quando l’Italia ha preso le armi.
Noi abbiamo fatto di più: quando l’Italia ha diretto i suoi avidi sguardi sui nostri confini, noi, per salvare l’alleanza e la pace eravamo pronti a grandi e dolorosi sacrifici, a sacrifici che toccavano in modo particolare il nostro cuore paterno. Ma non è stato possibile calmare l’avidità dell’Italia, che credeva di dover sfruttare l’occasione. Così deve compiersi il destino, Le mie armate hanno vittoriosamente resistito al potente nemico al Nord durante dieci mesi di gigantesche lotte e nella più completa fratellanza d’armi con gli eserciti del mio illustre alleato.
Il nuovo perfido nemico del Sud non è certo per voi un avversario nuovo. I grandi ricordi di Novara, Mortasa, Custoza, e Lissa, che sono l’orgoglio della mia gioventù, e lo spirito di Radetzky, dell’arciduca Alberto e di Tegethoff, che sopravvive nelle mie forze di terra e di mare, mi sono garanti che anche nel Sud sapremo difendere con successo i confini della monarchia.
Io rivolgo un saluto alle mie valorose e vittoriose truppe. Ho piena fiducia in loro e nei comandanti!
Ho piena fiducia nei miei popoli, al cui ineguagliabile spirito di sacrificio è dovuto il più profondo e paterno ringraziamento.
Prego l’Onnipotente di benedire le nostre bandiere e di accogliere la nostra giusta causa sotto la sua benigna protezione.

Franz Joseph

Annunci

“Chiacchere da bar” sull’italianità storica di Trieste.

“Chiacchere da bar” sull’italianità storica di Trieste.
Care amiche, cari amici,
dopo la trasmissione in prima serata della fiction “il confine” non sono mancate in rete le critiche a un programma con palesi falsità storiche, sommate a una pessima recitazione e all’uso di Udine (!!!) per rievocare la Trieste del primo ‘900.
Oltre, ovviamente, ai deliri dei neoirredentisti che difendono la malcelata propaganda della miniserie, sorprende che varie persone che si definiscono di “sinistra” o addirittura comuniste non solo siano d’accordo con questa versione edulcorata della storia, ma che attacchino – senza conoscerla – la storia della nostra città. Alle rimostranze fatte da me e da altri utenti, la persona confusa ha ribattuto con slogan nazionalisti, testi irredentisti e riducendo la nostra storia a “chiacchere da bar”
L’ignoranza, purtroppo, è una brutta bestia e bisogna combatterla.
Qui di seguito un rapido riesame dell’italianità di Trieste, nata in realtà durante il ventennio fascista.
Per questi “foresti” , nel 1800 la popolazione di Trieste “quasi tutta italiana…”. Classico refrain dei fascisti triestini. E questa frase la dice un “comunista”. In realtà nel 1910 il 12% della popolazione erano IMMIGRATI italiani. In un atto di masochismo, invece di restare nella madrepatria italiana, migravano a Trieste in cerca di lavoro e migliori condizioni. (vedasi censo del Litorale del 1910) Pierpaolo Dorsi commenta nell’articolo “Immigrazione italiana verso l’Austria”a riguardo: “Costituivano fattori d’attrazione per il lavoratore italiano le condizioni d’impiego e di retribuzione generalmente migliori di quelle ottenibili in patria, l’equiparazione alla manodopera nazionale, almeno sul piano giuridico formale, la legislazione sociale particolarmente avanzata”.
Sul fatto che Trieste non fosse italiana, basta riportare gli articoli di Karl Marx sul “New York Tribune”. Come mai l’Impero stava puntando su Trieste (ITALIANISSIMA!) e non su Venezia? Oltre che per i fondali, perchè” Venezia era la città delle memorie; Trieste aveva, al pari degli Stati Uniti, il vantaggio di non possedere un passato. Popolata di commercianti e speculatori italiani, tedeschi, inglesi, francesi, greci, armeni, ebrei in variopinta miscela, non piegava sotto le tradizioni”. Ohibó. KARL MARX, che nega l’italianità eterna di Trieste. Che disgraziato. (se poi vogliamo, lo dice adirittura Timeus che Trieste “non ha storia”; figuriamoci quindi l’appartenenza a una nazione)
(Parentesi sugli “italiani”, ossia una nazione inesistente. Ancora nel 1786 il barone Pittoni, per riferirsi agli immigrati provenienti dalla penisola, parlava di “nazione pontificia, veneta e napoletana”; strano poterli differenziare, non erano tutti “italiani”? – Vedi Dorsi “”Libertà” e “legislazione”. Il rapporto del barone Pittoni sulla città di Trieste e del suo territorio.”)
I documenti normalmente usati dalla storiografia italiana per difendere le proprie ambizioni nazionaliste sono il censimento del 1910, che a Trieste era favorevole agli italiani. Però attenzione: le etnie non venivano stabilite in base alla nazionalità, bensì in base alla lingua d’uso. Grazie anche al filtro della borghesia italiana nazional liberale che governava la città, vennero registrati come “italiani” cittadini che non lo erano, ma usavano l’italiano sul lavoro. (potremmo anche parlare della gran confusione sull’italiano, nato durante l’800 basandosi sul toscano fiorentino, imposto poi nel regno d’italia e che tuttora non tutti parlano bene, anzi. La storiografia italiana confonde-di proposito-le lingue romanze con l’italiano. Il veneto, per esempio, è una lingua romanza riconosciuta dall’Unesco, non un dialetto dell’italiano: ha sue forme sintattiche e grammaticali totalmente originali. Lo stesso si può dire per il siciliano e altri “dialetti”).
Sull’inesistenza della “nazione” italiana e, di conseguenza dell’italianità di Trieste, mi darei una bella letta a un’altra fonte dell’epoca, ossia l’articolo “Nationality” di Lord Acton in “Home and foreign review” del 1862. Il lord inglese criticava il neonato stato e (ACCIDENTI!!) criticava l’estremo centralismo, l’avversione a qualsiasi autonomia e il dispotismo usato per unire popolazioni che nemmeno parlavano la stessa lingua.
Spero che le mie “chiacchere da bar” siano sufficienti!

Vulgata neofascista e realtà documentata

Vulgata neofascista e realtà documentata

Care amiche, cari amici,

Anche quest’anno il pacchetto delle date sensibili per Trieste è finalmente terminato.

Date che ricordano la resa e la lotta antifascista.

L’Italia, alleata della Germania nazista, responsabile di stragi, fucilamenti, deportazioni e guerre d’aggressione, fu giudicata colpevole. Il salto della quaglia fatto l’8 settembre 1943 non era riuscito a cancellare le colpe del ventennio fascista, che nelle nostre zone aveva dato il peggio di se: discriminazioni etniche, emigrazioni forzate, torture, chiusura delle scuole croate, tedesche e slovene, italianizzazione forzata di cognomi e toponimi, roghi, pestaggi.

Il tutto culminato con la proclamazione delle leggi razziali il 18 settembre 1938 da parte di Mussolini, proprio a Trieste.

Mentre in tutta Europa, normalmente, la pace si festeggia, l’Italia porta il lutto al braccio e cerca di nascondere il Trattato di Pace di Parigi, disprezzando il 25 aprile e il primo maggio, cercando di far passare i carnefici per vittime e le vittime in carnefici, grazie all’uso sapiente delle foibe e dell’esodo.

Giá, le foibe.

La storiografia nazionalista italiana é sempre piú preoccupante. Mentre le cifre delle vittime aumentano sempre piú, ci si dimentica di cosa gli italiani hanno fatto in queste zone. Ci si dimentica delle atrocitá commesse dall’esercito italiano in Jugoslavia. La volontá della pulizia etnica nelle nostre zone (o bonifica etnica come si usava all’epoca) é ampliamente dimostrata. Per esempio il generale Orlando scrive una memoria, il Progetto di epurazione della città e della provincia di Lubiana dagli elementi sovversivi. In questo inquietante documento il militare commenta che  “… è necessario eliminare: tutti i maestri elementari, tutti gli impiegati comunali e pubblici in genere (A.C., Questura, Tribunale, Finanza ecc.), tutti i medici, i farmacisti, gli avvocati, i giornalisti, … i parroci, … gli operai, … gli ex-militari italiani, che si sono trasferiti dalla Venezia Giulia dopo la data suddetta“. In poche parole, eliminare tutta la classe dirigente slovena. Se non bastasse il generale Roatta, comandante della seconda armata, riporta alle sue truppe che che “anche il Duce ha detto di ricordarsi che la miglior situazione si fa quando il nemico è morto. Occorre quindi poter disporre di numerosi ostaggi e applicare la fucilazione tutte le volte che ciò sia necessario (…) il Duce concorda nel concetto di internare molta gente – anche 20-30.000 persone“. Nonostante le prove certe, nessuno di questi criminali di guerra é stato processato. Si, avete letto bene: in Italia non ci fu nessuna Norimberga. Nessuno ha pagato per i suoi delitti.

Come se non bastasse, gli eredi politici del ventennio, concentrati in varie formazioni neoirredentiste e nazionaliste, dimenticano volutamente questi fatti. Con un deforme patriotismo si ricordano delle foibe, mistificando la storia e andando contro ogni logica, metodo storico e decenza.

Un esempio di tutto questo é la foiba di Monrupino, conosciuta anche come “foiba 149” o “foiba di Opicina”.

14641934_174383216342239_4215723196240180884_n

Come si puó vedere nell’immagine si parla di “circa 2000 infoibati”. In certi siti internet si trovano affermazioni come “Nella foiba di Monrupino, profonda 126 m, si pensa che vi siano circa 2.000 infoibati. Le ricerche furono impossibili perché la foiba raccoglie le acque di un vasto impluvio che si disperde in vari canali sotterranei, per cui i cadaveri sono stati man mano trasportati in voragini ancora più profonde. Per parecchi mesi la foiba emanò il fetore della decomposizione nelle campagne circostanti.” (http://www.imolaoggi.it/2016/02/09/i-crimini-dei-comunisti-titini-e-italiani-le-foibe-e-lesodo/ e anche http://www.centrostudifederici.org/i-crimini-dei-comunisti-titini-e-italiani-le-foibe-e-lesodo/, solo per citare alcune pagine). Per non parlare dell’articolo scritto dall’autoproclamatosi “orgoglio triestino”, Davide Sulcic, scodinzolante politico-wannabe di “Un’altra Trieste”, che dice come “Alcuni parlano di circa 2.000 vittime fra italiani e tedeschi, civili, militari, feriti e ammalati prelevati dall’Ospedale Militare di Trieste, caricati su autocarri per tutto il maggio 1945 e qui portati.” Il tutto condito da strazianti storie strappalacrime, con gli italiani brava gente e i crudeli slavi assassini. (http://www.ilgiornaleditalia.org/news/cultura/886386/La-foiba-dimenticata-di-Monrupino.html)
Eppure é tutto una grande, gigantesca bugia.

Qui una foto con i rapporti del commissario De Giorgi, sceso nella cavità già nell’ottobre del 1945.

Captura de pantalla 2017-05-03 a la(s) 17.31.14

Captura de pantalla 2017-05-03 a la(s) 17.31.38

Captura de pantalla 2017-05-03 a la(s) 17.31.57

Captura de pantalla 2017-05-03 a la(s) 17.32.13

La foiba in questione fu esplorata già negli ultimi mesi del 1945 da parte del commissario Umberto de Giorgi.
La sua relazione non parla di migliaia di cadaveri di italiani, “uccisi solo perché italiani”, bensì di soldati tedeschi. Avete capito bene: SOLDATI TEDESCHI!
Corpi di soldati morti durante la battaglia di Opicina o, loro si, giustiziati dai partigiani.
Addirittura Giorgio Rustia, pseudostorico vicino a Forza Nuova deve ammettere nel 2000 nel suo “controperazione foibe” che “la foiba di Monrupino è un eccesso della nostra storiografia che ha voluto creare una foiba in cui saranno stati buttati una dozzina o una ventina di soldati tedeschi”.

Eppure, come ci ricorda un giovane dalle idee confuse con un orrendo fotomontaggio, la foiba è diventata monumento nazionale, a ricordo delle migliaia di vittime colpevoli solamente di essere italiane.

C’è anche chi, nonostante le evidenze mi commenta che “Ovviamente questi documenti xè gli unici attendibili e tutto el resto, ovvero la stragrande maggioranza dei storici, fa tutti propaganda?! A sto punto no credevo alle scie chimiche, ma quasi quasi inizio a pensare che quei quattro mone che le sostien ga ragion…”.
Si, sono documenti attendibili. E si, sono documenti che, come in altri casi, vengono bellamente ignorati da chi bellamente ci amministra. E no, la storiografia delle foibe documenti come questi non li ha.

E dopo queste evidenze, che smentiscono una storia propagandistica a uso e consumo dei nazionalisti italiani, volete ancora credere a quello che ci propinano le istituzioni che ci amministrano?

Le zone franche nel mondo

Care amiche, cari amici,

Continuiamo a scoprire le ricchezze di Trieste; quest’oggi parleremo delle Zone Franche, una vera e propria miniera d’oro, che, se adeguatamente usate, potrebbero permettere all’economia triestina non solo di riprendersi, ma d’iniziare a volare. Dopo questa breve lettura risulterà ovvio che le cosiddette “sdemanializzazioni” proposte dal PD ed appoggiate dagli altri partiti coloniali, non solo sono inutili, ma addirittura dannose per Trieste e i triestini.

Free Zones, Free Trade Zones, Foreign Trade Zone, Free Ports, Industrial Free Zones, Export Processing Zones, Export Free Zones, Special Economic Zones, Duty Free Zones, Enterprise Zones, Maquiladoras, Science Parks & Technological Free Zones: sono numerose le terminolgie utilizzate nei vari paesi del mondo per indicare un istituto, risalente addirittura ai tempi dei Fenici, dei Caldei, dei Cartaginesi, delle città della Lega anseatica, che ha avuto negli ultimi 60 anni un incredibile sviluppo. Da una manciata di zone franche del secondo Dopoguerra a 300 negli anni ’80, 600 negli anni ’90 fino ad arrivare alle migliaia dei giorni nostri, dislocate in tutti i continenti, nei paesi in via di sviluppo e non. Secondo una stima dell’Organizzazione Mondiale del Lavoro, esistono oggi oltre 3.500 zone franche in 130 paesi che generano 66 milioni di posti di lavoro.

Ad eccezione delle zone franche comunitarie, il cui regime legale uniforme è posto dal Codice Doganale Comunitario, la disciplina giuridica delle zone franche nel mondo è caratterizzata dalla mancanza di uniformità a livello internazionale, la quale si riscontra non solo nella terminologia ma anche nella disciplina normativa. Mancano convenzioni e trattati internazionali – salvo proprio l’Allegato VIII al Trattato di Pace di Parigi del 1947 sul Porto Franco di Trieste – e meccanismi globali di approvazione delle zone franche, che non godono parimenti di rappresentanza in seno alle organizzazioni internazionali che tuttavia le supervisionano (es. Organizzazione Mondiale del Lavoro, Organizzazione mondiale del commercio, ecc.).

Tra gli incentivi più frequenti offerti dalle zone franche vanno annoverati, accanto a quelli tipicamente “doganali” (esenzione da formalità e controlli doganali, da dazi doganali anche sulle materie prime utilizzate nella produzione industriale, ecc.), anche quelli fiscali (esenzione da tasse e imposte o riduzione sostanziale delle aliquote), quelli attinenti alla regolamentazione del lavoro (es. flessibilità delle regole in tema di reclutamento del personale e concessione di permessi temporanei di lavoro e di residenza per gli stranieri impiegati nella zona franca), allo snellimento delle procedure amministrative (es. concessioni e licenze), ai servizi, anche offshore, ecc.

Molti degli incentivi sopra citati non sono presenti nelle zone franche dell’Unione Europea in quanto in contrasto con la normativa comunitaria sugli aiuti di stato che limita fortemente la creazione di zone economiche speciali in grado di contrastare la concorrenza di zone franche vicine, per esempio del Nord Africa.

Le norme statuali o comunitarie non possono, tuttavia, restringere le libertà doganali ed operative garantite dal Trattato di pace e dai suoi provvedimenti di attuazione.

Sotto il profilo dei contenuti, la situazione giuridica del Porto Franco di Trieste si sostanzia essenzialmente in due regimi: la massima libertà di accesso e transito e l’extradoganalità (o “extraterritorialità doganale”).

Per quanto riguarda la massima libertà di accesso al porto, l’Allegato VIII configura un regime di libera circolazione di merci e servizi, nonché di libertà di accesso e di transito a condizioni non discriminatorie e senza oneri se non a fronte di servizi effettivamente prestati. Le norme dirette alla promozione del commercio internazionale attraverso la rimozione di ogni barriera od ostacolo alla libera prestazione di servizi ed alla circolazione delle merci e dei mezzi di transito costituiscono un elemento di assoluta rilevanza dal momento che il regime internazionale anticipa quello di liberalizzazione comunitaria.

Per quanto concerne, invece, il regime strettamente doganale, i Punti Franchi dello scalo triestino godono dello status giuridico dell’extradoganalità, che comporta tutta una serie di condizioni di operatività di maggior favore nel Porto Franco di Trieste. È senz’altro questo l’elemento di maggiore difformità della disciplina del Porto Franco di Trieste da quella nazionale e comunitaria.

A differenza del Porto vecchio le imprese che operano in porto nuovo non sono così ridotte di numero ma comunque sono appartenenti a quei pochi terminalisti che hanno creato con la complicità dell’Autorità Portuale una sorta di monopolio portuale a favore di pochi.

Non applicano in toto l’Allegato VIII ma solo quegli articoli che portano loro vantaggio e solo quelli che non faccia capire ai cittadini di Trieste che in porto vige ancora l’Allegato VIII e di conseguenza il T.d.P del 1947.

mostrar_imagenp

Ricordare la storia o cancellarla?

Care amiche, cari amici,

Uno dei metodi più conosciuti per sottomettere una popolazione è quello di cancellare la sua storia, alterarla, distruggere ricordi o monumenti riguardanti personaggi o un passato percepiti come positivi.

Non deve quindi sorprendere il trattamento riservato al Castello e al parco di Miramar (questa è la dizione corretta: Miramare è una delle tante imposizioni dell’epoca fascista). La residenza di Massimiliano d’Asburgo è lasciata in un modo indegno, abbandonata alle intemperie VOLUTAMENTE; nelle sale del castello si possono vedere macchie di umidità, sporco, poca cura per i materiali esposti. Il parco grida vendetta al cielo: una steppa grigia e desolata, condita con lo scarica barile dell’amministrazione coloniale italiana. Questo è il destino a una figura come Massimiliano d’Asburgo, benemerito della città, che aveva portato lustro e progresso a Trieste. Una figura scomoda per chi Trieste la vuole distruggere.

Quello che voglio mostrarvi oggi è il trattamento riservato in Messico alla residenza di Massimiliano, il Castello di Chapultepec. Il palazzo, chiamato dall’imperatore “Miravalle” per collegarlo al triestino “Miramar”, è in condizioni perfette. Non si dica poi il giardino, curato quotidianamente nei minimi particolari. Pensate: il palazzo di un personaggio che per la storiografia messicana ha tradito il paese e attentato alla sua libertà. Guardate la presentazione di immagini che trovate in fondo all’articolo e paragonatela con la situazione del nostro Castello di Miramar.

Il confronto fa rabbrividire.

Come può essere possibile che un bene pubblico, lasciato alla città da uno dei suoi benefattori, venga ridotto in simili condizioni?

La risposta credo sia una sola: annichilire e cancellare la memoria storica dei triestini, a tutti i costi.
La storia non deve essere cancellata come stanno cercando di fare da decenni i burocrati coloniali, ma va valorizzata e usata per riflettere e migliorare il futuro di una comunità.

Pensateci bene triestine e triestini; solo uniti possiamo cambiare questo processo di distruzione. UNITI SI PUO’!

Questo slideshow richiede JavaScript.

“politici” (o presunti tali): istruzioni per l’uso

Care amiche, cari amici,Dopo una breve pausa per ritemprare le forze e visitare la famiglia, torniamo a occuparci di un tema importante ma molto spesso poco preso in considerazione da troppe persone. Quanti di voi sanno cos’è un politico? Come dovrebbe essere?
Intanto definiamo cos’è la politica. Nell’enciclopedia Treccani troviamo questa definizione: “La scienza e l’arte di governare, cioè la teoria e la pratica che hanno per oggetto la costituzione, l’organizzazione, l’amministrazione dello stato e la direzione della vita pubblica”. Il politico, da dizionario Garzanti, è “chi si dedica professionalmente alla politica”.

Il politico è quindi un professionista dell’arte di governare, ossia organizzare, amministrare e dirigere uno stato.

Se a mente fredda osserviamo gli amministratori attuali del bene pubblico e la stragrande maggioranza dei candidati alle prossime elezioni comunali di Trieste, di persone con questo profilo ne troviamo ben poche.

Nella fauna politica triestina possiamo incontrare diversi tipi di “animale politico”:

  • El zigalon, la zigalona: grida, sbraita..anzi, ZIGA. Cosa abbiano da dire questi figuri, non è dato sapere. L’importante è farlo gridando, zittendo l’avversario non con le idee ma con il volume della propria voce. Idee scarse, poco approfondite, probabilmente ascoltate durante una chiacchierata al bar. Impreparati al massimo, pensano che offendere l’avversario sia far politica. Ovviamente proposte zero e sudditanza massima verso il partito, nei confronti del quale sono totalmente acritici. Normalmente ne troviamo almeno uno in ogni partito coloniale che amministra il Territorio Libero di Trieste.
  • Il multitasking: vaga in vari partiti di una stessa area politica , usa abilmente populismo e innocenza, pubblicizzandosi come un uomo nuovo e giovane, mentre in realtà è legato a vari gruppi d’interesse. Veste alla moda del suo partito politico ed è un pescecane, sempre pronto a lottare per un briciolo di potere e timoroso che qualcuno gli rubi l’osso. A sentirlo sa tutto, fa tutto, sapeva tutto, avvisa su tutto; un tuttologo che in realtà non sa niente. Meno volgare del “zigalon” ma ugualmente impreparato.
  • El fio/parente/cugin/genero/cognado/amico de: come dimostrato nelle ultime elezioni da un giovane consigliere, normalmente è un individuo che, spinto da amicizie o parentele, non trovando altri sbocchi o per dare un po’ di sale alla sua vita (normalmente abbastanza agiata e lontana dai problemi dei comuni mortali: suvvia, chi di voi non ha una barca a vela e un attico in centro?), entra in politica. Poco preparato, ipocrita, interessato, sempre pronto a nepotismi, clientelismi e a favorire il suo circolo personale a discapito della città, tende sempre a presentarsi come uomo nuovo e scappare colla coda tra le gambe appena in difficoltà. Ovviamente presentando se stesso come un esempio di integrità e moralità, ma in realtà tratta il bene pubblico come una proprietà personale. Dannoso per Trieste è dir poco.
  • La banderuola: totalmente impreparato, va dove gira il vento, con proclami populisti random, gridati a squarciagola e spaziando dall’estrema destra all’indipendentismo senza vergogna, negando anche l’evidenza, con l’unico obiettivo della “carega”.
  • Il vendicativo: normalmente prende la politica come qualcosa di suo e una maniera non tanto di servire la comunità, ma di poter emergere personalmente. Si accaparra meriti suoi e non. L’importante è vantarsi di tutto questo. Qualsiasi sgarbo presunto o reale alla sua persona (che va dal non salutarlo per sbaglio al non inginocchiarsi davanti a lui passando per non chiedergli consiglio) viene preso come una grave offesa e deve essere vendicato. Come? Non importa, l’importante è vendicarsi e sfoggiare la propria bravura. Su cosa non si sa.
  • Il messia: nella fauna di pseudopolitici triestini non poteva mancare il messia. Personaggi strani e paranoici, credono di essere dei messia salvatori della patria, stile ducetti o piccoli padri della patria. Normalmente circondati da una vera e propria corte dei miracoli, seguono i consigli di persone quantomeno strane, promuovendo amici, amanti o mentori a ruoli delicati, dove solitamente fanno danni. Macchiette poco preparate, solitamente imparano qualche informazione a memoria e si danno al populismo.
  • Il nosepolista: il classico politico coloniale a Trieste. In questa categoria rientrano tutti i precedenti. Bloccano il progresso della città, uccidono le opportunità di sviluppo, fanno solo gli interessi propri e dei loro amici. Alla minima critica partono con “dici così perché sei uno di quelli del “no se pol”. In realtà il no se pol è opera di questa classe amministratrice, che ha mimetizzato il “no se vol” con il “no se pol” e incolpando i cittadini dello stato di degrado del Territorio di Trieste causato da questi politici.

Questa categorizzazione, tra serio e ironico, creda riproduca fedelmente la “fauna” politica triestina. Io non voglio più dare la possibilità a queste persone di distruggere Trieste. Per questo il mio voto andrà a chi avrà le caratteristiche del buon amministratore, cioè che sappia organizzare, amministrare e dirigere, senza gridare ed essere arrogante.

Pensateci e uniti cambiamo Trieste.

image

La storia del Punto Franco Nord

Care amiche, cari amici,

Da anni la cittadinanza è bombardata quasi giornalmente dai roboanti proclami della stampa di regime: uno di questi riguarda la “restituzione alla città del Porto Vecchio”.
Una frase pensata bene, usando furbizia e malizia: chi non desidera che gli vengano ritornate le proprie cose?
Eppure la zona “sdemanializzata” in ottica di una mega speculazione edilizia che, se fatta, peserà sulle spalle dei triestini per decenni, non è mai stata città.
Proprio così:MAI STATA CITTA’.
Perché quindi distruggere le enormi potenzialità che ha il Punto Franco Nord grazie alla sua zona franca? Perché non permettere l’uso del paradiso fiscale previsto nell’area?
Perché mentire su collegamenti, fondali e uso di questa zona?
Rispondete a queste domande e troverete chi sono i killer di Trieste e perché la città sta morendo.
Un sentito ringraziamento a Stefano Badodi e Stefano Dondo; il loro prezioso aiuto e le loro conoscenze del porto sono a dir poco fondamentali.

pvecio

Il Porto di Trieste, nell’immaginario collettivo, è legato alla fama internazionale raggiunta nel primo decennio del XIX secolo in qualità di primo porto dell’impero Austro-Ungarico, quando giunse ad essere il 7° porto del mondo ed il 2° porto del Mediterraneo dopo Marsiglia, per movimentazione di merci.

Questa favorevole circostanza trovò origine agli inizi del XVIII secolo in seguito all’emanazione della “Patente di Porto Franco” da parte dell’imperatore Carlo VI d’Austria (1719), anche se il merito dello sviluppo del progetto va alla figlia Maria Teresa d’Austria.

 Da allora e fino ad oggi il regime di Porto Franco è rimasta prerogativa e caratteristica peculiare del Porto di Trieste.

Nella seconda metà del XIX secolo lo scalo triestino, grazie al collegamento ferroviario con Vienna, assunse una prevalente funzione di transito delle merci, che spinse le autorità asburgiche a dare il via al primo grande piano di ampliamento delle strutture portuali: tra il 1868 e il 1883, su progetto di Paul Talabot, venne quindi realizzato il complesso oggi noto come Porto Vecchio.

L’idea di progettare e costruire un polo portuale moderno si fa strada nella Trieste dei primi decenni dell’Ottocento sulla spinta della crescente libera concorrenza che favorisce gli scali del nord Europa dotati di impianti ed attrezzature più moderne nonché di efficienti infrastrutture. Per stare al passo con i tempi i gruppi d’interesse economici e finanziari triestini premono per la trasformazione dello scalo giuliano da emporio a punto di transito delle merci.

La costruzione della Ferrovia meridionale (1857), che collega Trieste a Vienna, e dei primi magazzini ferroviari (Lager n. 11, 1861) nei pressi della darsena della stazione, rappresentano il primo e fondamentale passo verso la modernizzazione del sistema Città-Porto. Nel 1863, infatti, il governo di Vienna bandì un concorso per la costruzione del nuovo Porto di Trieste e, due anni dopo, il 27 gennaio 1865 scelse il progetto dell’ingegner Talabot che prevedeva l’interramento del vecchio bacino a fianco della ferrovia e l’ampliamento degli impianti ferroviari.

La collocazione del nuovo Porto è individuata nella rada di nord est, in prossimità del nuovo scalo ferroviario, per favorire il trasferimento delle merci da una modalità di trasporto ad un’altra. La ripresa dei traffici è tale da imporre un intervento di vasta portata, con nuove costruzioni marittime e portuali e interramenti e sbancamenti che alterano la vecchia linea di costa.

Il progetto prevede la realizzazione di cinque moli, di cui quattro paralleli e uno obliquo, con la conseguente formazione di quattro bacini, a protezione dei quali è eretta una diga foranea lunga 1.100 metri con un canale di passaggio di 150 metri, per una superficie complessiva di 320.000 mq. Alle sponde la profondità del fondale è di 6-7 metri.

Le difficoltà tecniche da superare sono rilevanti e spostano i tempi di consegna dei lavori. Le costruzioni portuali devono poggiare su un fondo melmoso e su materiali di riporto, con conseguenti problemi per adeguare le opere di fondazione. Il riempimento e il consolidamento incontrano numerosi ostacoli e si rendono necessarie specifiche opere idrauliche per canalizzare e in parte tombare i torrenti Martesin e Klutsch. La diga foranea, che protegge i retrostanti bacini dalle mareggiate, è terminata solo nel 1875, anno in cui entrano in funzione il Molo I, il Molo II e il primo bacino. La prima fase dei lavori del Porto viene completata nel 1883, in ritardo ma non troppo sulle previsioni progettuali, grazie allo slancio impresso ai lavori di ampliamento dall’inaugurazione del Canale di Suez (1869) e dalla conseguente pressione commerciale.

Contestualmente, nel 1879, il Ministero del Commercio affida a un Ente portuale concessionario, denominato Pubblici Magazzini Generali, la gestione delle operazioni portuali svolte a terra, mentre quelle a bordo delle navi restano prerogativa dei comandanti e degli armatori. Si apre così un’ulteriore fase progettuale e costruttiva, con la predisposizione di ulteriori magazzini e attrezzature portuali in grado di rendere Trieste competitiva nei confronti dei principali scali europei. Tra il 1883 e il 1893 vengono costruiti i magazzini 7, 10, 18, 19, 20 e 26 e gli hangar 6, 9, 17, 21, 22, 24 e 25. Con l’allestimento del Molo IV il nuovo complesso portuale può ritenersi completato.

Successivamente, con l’abolizione del privilegio del Porto franco (1891) il comprensorio del nuovo Porto assume lo status di zona franca per le merci e un assetto geografico definitivo e ben identificabile, separato dalla città, reso visibile dal completamento della recinzione dei nuovi spazi interni dedicati alle merci in franchigia doganale. Dopo pochi anni tuttavia il Governo si renderà promotore di un ulteriore ampliamento dello scalo, progettato a sud della città, ove presto sorgerà il Punto Franco Nuovo.

I capannoni, i più antichi edifici del porto, sono stati eretti seguendo il modello della Lagerhäuser, una parola che si riferisce a quelle parti della città che vengono utilizzati per la movimentazione di merci e comprendono magazzini per lo stoccaggio delle merci, dal loro arrivo in porto alla spedizione e distribuzione.

La classificazione dei magazzini e hangar (inizialmente 38 corpi principali) comprende tre gruppi di edifici:

  • edifici ad un piano fuori terra

1pian

  • edifici di due o tre piani fuori terra , con cantine e soffitte, con gallerie supportate da colonnine in ghisa

2pian

  • edifici di quattro piani fuori terra, con cantine, piano terra e quattro piani superiori con gallerie

3pian

 In seguito il porto si arricchì di nuove infrastrutture funzionali alle esigenze della moderna logistica, quali il terminal multifunzionale nel Porto Vecchio e il terminal per navi Ro-Ro/ferry di Riva Traiana.