Care amiche, cari amici,
dopo la trasmissione in prima serata della fiction “il confine” non sono mancate in rete le critiche a un programma con palesi falsità storiche, sommate a una pessima recitazione e all’uso di Udine (!!!) per rievocare la Trieste del primo ‘900.
Oltre, ovviamente, ai deliri dei neoirredentisti che difendono la malcelata propaganda della miniserie, sorprende che varie persone che si definiscono di “sinistra” o addirittura comuniste non solo siano d’accordo con questa versione edulcorata della storia, ma che attacchino – senza conoscerla – la storia della nostra città. Alle rimostranze fatte da me e da altri utenti, la persona confusa ha ribattuto con slogan nazionalisti, testi irredentisti e riducendo la nostra storia a “chiacchere da bar”
L’ignoranza, purtroppo, è una brutta bestia e bisogna combatterla.
Qui di seguito un rapido riesame dell’italianità di Trieste, nata in realtà durante il ventennio fascista.
Per questi “foresti” , nel 1800 la popolazione di Trieste “quasi tutta italiana…”. Classico refrain dei fascisti triestini. E questa frase la dice un “comunista”. In realtà nel 1910 il 12% della popolazione erano IMMIGRATI italiani. In un atto di masochismo, invece di restare nella madrepatria italiana, migravano a Trieste in cerca di lavoro e migliori condizioni. (vedasi censo del Litorale del 1910) Pierpaolo Dorsi commenta nell’articolo “Immigrazione italiana verso l’Austria”a riguardo: “Costituivano fattori d’attrazione per il lavoratore italiano le condizioni d’impiego e di retribuzione generalmente migliori di quelle ottenibili in patria, l’equiparazione alla manodopera nazionale, almeno sul piano giuridico formale, la legislazione sociale particolarmente avanzata”.
Sul fatto che Trieste non fosse italiana, basta riportare gli articoli di Karl Marx sul “New York Tribune”. Come mai l’Impero stava puntando su Trieste (ITALIANISSIMA!) e non su Venezia? Oltre che per i fondali, perchè” Venezia era la città delle memorie; Trieste aveva, al pari degli Stati Uniti, il vantaggio di non possedere un passato. Popolata di commercianti e speculatori italiani, tedeschi, inglesi, francesi, greci, armeni, ebrei in variopinta miscela, non piegava sotto le tradizioni”. Ohibó. KARL MARX, che nega l’italianità eterna di Trieste. Che disgraziato. (se poi vogliamo, lo dice adirittura Timeus che Trieste “non ha storia”; figuriamoci quindi l’appartenenza a una nazione)
(Parentesi sugli “italiani”, ossia una nazione inesistente. Ancora nel 1786 il barone Pittoni, per riferirsi agli immigrati provenienti dalla penisola, parlava di “nazione pontificia, veneta e napoletana”; strano poterli differenziare, non erano tutti “italiani”? – Vedi Dorsi “”Libertà” e “legislazione”. Il rapporto del barone Pittoni sulla città di Trieste e del suo territorio.”)
I documenti normalmente usati dalla storiografia italiana per difendere le proprie ambizioni nazionaliste sono il censimento del 1910, che a Trieste era favorevole agli italiani. Però attenzione: le etnie non venivano stabilite in base alla nazionalità, bensì in base alla lingua d’uso. Grazie anche al filtro della borghesia italiana nazional liberale che governava la città, vennero registrati come “italiani” cittadini che non lo erano, ma usavano l’italiano sul lavoro. (potremmo anche parlare della gran confusione sull’italiano, nato durante l’800 basandosi sul toscano fiorentino, imposto poi nel regno d’italia e che tuttora non tutti parlano bene, anzi. La storiografia italiana confonde-di proposito-le lingue romanze con l’italiano. Il veneto, per esempio, è una lingua romanza riconosciuta dall’Unesco, non un dialetto dell’italiano: ha sue forme sintattiche e grammaticali totalmente originali. Lo stesso si può dire per il siciliano e altri “dialetti”).
Sull’inesistenza della “nazione” italiana e, di conseguenza dell’italianità di Trieste, mi darei una bella letta a un’altra fonte dell’epoca, ossia l’articolo “Nationality” di Lord Acton in “Home and foreign review” del 1862. Il lord inglese criticava il neonato stato e (ACCIDENTI!!) criticava l’estremo centralismo, l’avversione a qualsiasi autonomia e il dispotismo usato per unire popolazioni che nemmeno parlavano la stessa lingua.
Spero che le mie “chiacchere da bar” siano sufficienti!
Annunci

Un pensiero su ““Chiacchere da bar” sull’italianità storica di Trieste.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...